PUGLIA: MORELLI,  HUTCHINSON E HALL IN CONCERTO!

MORELLI,  HUTCHINSON E HALL IN CONCERTO AL JAZZCLUB PERBACCO DI TARANTO!

Nico Morelli,  Greg Hutchinson e Darryl Hall saranno in tour dal 18 al 26 Novembre 2018 con tre appuntamenti in Italia: il 21 Novembre al JazzClub PerBacco di Taranto (Via Umbria 14), il 22 Novembre al Teatro Forma di Bari (Via Carlo Fanelli 206) e il 23 Novembre presso il JazzClub Il Moro di Cava De’ Tirreni (Corso Umberto I).

A novembre vedremo Il pianista Nico Morelli in concerto con due grandi esponenti del Jazz Internazionale: il batterista Greg Hutchinson e il contrabbassista Darryl Hall  che rappresentano quella scena jazz newyorkése che detta lo stile del jazz più moderno e attuale del nostro tempo.

Il repertorio sarà basato su composizioni originali, standards americani e brani della tradizione popolare – dichiara Nico Morelli che rappresenta da trenta anni il Jazz italiano in Europa e che ultimamente ha indirizzato la sua ricerca musicale sulla musica folk mediterranea, del sud Italia, e in particolare della sua Puglia (CLICCA QUI – RECENSIONE“Nico Morelli Jazz e Postmodernismo” – in FOCUS IN ), – Greg, radicato nella tradizione jazzistica si avvicina con precisione e fantasia a tutti gli stili musicali innovandoli con il suo tocco naturale. Darryl, versatilite, fedele alla musica della diaspora afroamericana (jazz, gospel, soul e latin), ha anche una grande familiarità con la musica del Brasile“.

 

BIOGRAFIE

NICO MORELLI

Fa il suo esordio nella scena nazionale jazzistica italiana nel 1991 quando, accanto a S. Lacy e G. Ferris, incide il suo primo CD con L’Orchestra ZETEMA di Matera. Questa esperienza lo introdurrà attivamente nell’ambiente jazzistico. Da lì a poco nel 1993 inciderà il suo primo CD “Behind The Window” (Y.V.P. Music Germania) in veste di leader che  consacrerà e meglio identificherà la poetica e il modo di “fare” musica del musicista.

COLLABORAZIONI DISCOGRAFICHE E CONCERTISTICHE: con Marc Johnson, Aldo Romano, Emmanuel Bex, Bob Mover, Paolo Fresu, Flavio Boltro, André Ceccarelli, Roberto Ottaviano, Roberto Gatto.

VIVENDO IN FRANCIA DA 20 ANNI: vincitore di concorsi internazionali come il “Piano Jazz a Vanves” (Parigi, presidente Martial Solal), il concorso internazionale “Viva il Jazz” di Milano 1999. Ha pubblicato dischi come leader e come collaboratore per etichette come la Universal (France), Cristal (France), Bonsai (France), SplascH (Italia), YVP (Germania).

COLLABORAZIONE CON I SEGUENTI MUSICISTI: Paolo Fresu , Enrico Rava , Flavio Boltro , Marco Sannini , Gegé Telesforo, Giovanni Tommaso , Roberto Gatto , Marco Tamburini , Paul Jeffrey , Jay Clayton , Mike Ladd, Sylvain Beuf, Michel Benita, Aldo Romano, André Ceccarelli, Stefano di Battista, Marc Johnson, Emmanuel Bex, Bruno Tommaso.

PREMI: Nel referendum “Top Jazz” indetto dalla rivista “Musica Jazz” del Gennaio ’99 è stato segnalato fra i migliori talenti dell’anno; nel Gennaio ’99 ha vinto il terzo premio nel concorso “Piano Jazz” a Vanves (Parigi), concorso presieduto dal noto pianista di fama internazionale Martial Solal. Nel maggio ’99 ha vinto con il suo “Jazz Air Trio” il primo premio del concorso internazionale “Viva il Jazz” Città di Milano aggiudicandosi una registrazione per la nota casa discografica VERVE.

FESTIVALS INTERNAZIONALI: Italia: Vignola, Siena, Mola, Berchidda, Matera, Trapani, Monopoli, Taranto, Bari, Brindisi, Roma, Pavia, Tropea, R.Calabria, Opera di Roma, Iseo. Francia: Valenciennes, St.Germain(Paris), Istituto cultura italiana (Parigi), Vannes, Porquerolles.Messico: Monterrey Jazz Festival (con Sylvain Beuf e Neil Swainson). Africa: Tangeri Jazz Festival (Marocco), Fes Quintal Jazz (Capo Verde).

 

GREGORY HUTCHINSON

Jazz Magazine lo descrive come “il batterista della sua generazione” e in effetti, Gregory Hutchinson è uno dei musicisti più rispettati del nostro tempo. La sua padronanza del tempo e dell’espressione dei ritmi è al centro del suo stile personale. Profondamente radicato nella tradizione jazzistica, in grado di avvicinarsi a tutti gli stili di musica con estrema precisione e fantasia, decorando le composizioni con il suo tocco naturale e la sua incredibile innovazione.

Nato a Brooklyn ha iniziato a coltivare la sua passione per la musica fin dalla tenera età di 3 anni. La sua dedizione allo strumento era evidente nelle scuole medie e fu subito notato dai suoi istruttori. Justin Diccicio è stato il suo mentore. Gli ex studenti di Diccicio erano stati Omar Hakim, Kenny Washington, Marcus Miller e Steve Jordon.

La sua carriera professionale iniziò proprio al liceo, quando fu presentato a Red Rodney dopo aver suonato in una Big Band per un anno. Presto divenne noto come un giovane fenomeno nella comunità jazz che condivideva il palco con artisti del calibro non solo di Rodney, ma anche di Betty Carter e Ray Brown mentre era ancora poco più che ventenne.

La sua carriera professionale lo ha portato a condividere il palco con artisti del calibro di Betty Carter e Ray Brown, Dianne Reeves, Wynton Marsalis, John Scofield, Roy Hargrove, Charles Lloyd, Diana Krall, Harry Connick Jr, Joshua Redman, Christian McBride, Maria Schneider e molti altri. Le sue composizioni hanno conquistato il plauso della comunità hip-hop e lo hanno portato a lavorare con i produttori di Common Power e Super Kareem Riggins.

È uno dei pochi musicisti conteporaneri che ha avuto l’opportunità di collaborare con alcuni dei grandi oratori della musica jazz. Da allora ha lavorato con i più grandi del mondo del jazz tra cui: Dianne Reeves, Betty Carter, Wynton Marsalis, John Scofield, Roy Hargrove, Charles Lloyd, Diana Krall, Harry Connick Jr, Joshua Redman, Christian McBride e Maria Schneider e molti altri. Le  sue composizioni hanno conquistato il plauso della comunità hip-hop e lo hanno portato a lavorare con i produttori di Common Power e Super Kareem Riggins.

La sua esperienza e tecnica lo rendono uno dei musicisti più entusiasmanti da guardare e ascoltare. Ha il potere creativo non solo di nutrire, ma di sfidare l’arte stessa della batteria. Dianne Reeves lo descrive come “Pure Genius”. Gary Giddins ha descritto la sua batteria come “Elegante” e più “Danzante”. Joshua Redman lo descrive come “Ispirato”. Il suo obiettivo è far suonare la batteria come diceva Charlie Parker:, “Voglio far cantare la batteria come se fosse una tromba.” Ci sono tutti i presupposti affinché Hutch continuerà ad essere una presenza formidabile nella comunità musicale.

 

DARRYL HALL

In Francia dal 2004, è nato a Philadephia, Pennsylvania, città natale di alcuni dei bassisti più famosi del mondo, tra cui Stanley Clarke, Jaco Pastorius, Alphonso Johnson, Charles Fambrough, Percy Heath, Jymie Merritt, Christian Mcbride, Arthur Harper, Tyrone Brown e Victor Bailey,.

Prevalentemente autodidatta (e sotto la guida dei mentori del jazz della città natale tra cui Gerald Price, Tyrone Brown, Tony Williams (sax), Darryl ha imparato presto ad apprezzare molti tipi di musica.

Contrabbassista vincitore del prestigioso concorso “Thelonious Monk” nel 1996 durante la sua vita a New York, si è esibito con alcuni fra i più grandi musicisti della storia, come Mulgrew Miller, Carmen Lundy, Hank Jones, Geri Allen, James Williams, Regina Carter, Ravi Coltrane e Robert Glasper.

Le sue collaborazioni Europee lo vedono invece al fianco di musicisti come Martial Solal, Cedar Walton, Kirk Lightsey, Didier Lockwood, Christian Escoude, Florin Nicolescu, Ximo Tebar, Uri Caine, Joe Locke, Willie Jones, Wayne Escoffery e Laurent de Wilde.

Darryl si è esibito con molti rinomati artisti jazz provenienti da tutto il mondo, in un’ampia varietà di generi. Durante la sua vita a New York, si è esibito con Mulgrew Miller, Carmen Lundy, Hank Jones, Geri Allen, James Williams, Regina Carter, Ravi Coltrane e Robert Glasper.

Si è esibito con molti artisti europei e americani in tutta Europa, tra cui Martial Solal, Cedar Walton, Piero Odorici, Kirk Lightsey, Dianne Reeves, Didier Lockwood, Christian Escoude, Florin Nicolescu, Ximo Tebar, Enrico Piranunzi, Rosario Guiliani, Uri Caine, Joe Locke, Willie Jones, Wayne Escoffery e Laurent de Wilde.

Giornalista Pubblicista – Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo –

Direttrice del Blog LitterArtour

Daniela Rubino

Giornalista Pubblicista - Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo - Direttrice del Blog LitterArtour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *