RECETA E GATIMIT: “PEPERONI RIPIENI”

Di KATIA PISANI

Piatto unico veramente gustoso, è una combinazione perfetta degli elementi base della cucina albanese, cioè le verdure e la carne. In questa ricetta sono riportate le porzioni per 4 persone. Ovviamente, molto dipende dalla effettiva dimensione dei peperoni e dalla fame degli ospiti. Nulla vieta che ci sia chi ha piacere a mangiarne 2!

INGREDIENTI:

2-3 pomodori rossi

4 peperoni di medie dimensioni

1 spicchio d’aglio fresco

1 cipolla piccola

500 gr di carne di vitello macinata

Riso (ca. 300 gr. o comunque secondo risultato finale desiderato)

Mix di spezie con pepe rosso, pepe nero, origano, basilico, prezzemolo.

Sale q.b.

50 ml di burro

 

PROCEDIMENTO

Passare in una padella antiaderente a fuoco vivo sia l’aglio che la cipolla, fino a doratura.

Aggiungere l’olio e soffriggere fino a che la cipolla non sia appassita.

Versare poi i pomodori rossi precedentemente pelati e passati in un macinino.

Si fa poi bollire fino a quando i pomodori acquistano una consistenza cremosa, tipo salsa.

Si può quindi unire la carne macinata, il mix di spezie e il riso.

Continuare la cottura in padella fino a quando la carne non cambia colore.

Nel frattempo, pulire  i peperoni, svuotandoli dei semi, e tagliarli a ¼ dalla sommità, giusto quanto basta per togliere il ‘cappello’.

Riempire i peperoni con la carne e metterli in una teglia con un filo d’olio.

Cuocere in forno a 180 gradi per 40 minuti.

Per fare in modo che i peperoni rimangano gonfi e teneri, ricoprire la teglia da infornare con un foglio di allumino. Poi, 10 minuti prima di finire, togliere il foglio d’alluminio, in modo che la carne si leghi e rimanga delicata.

CURIOSITÀ

Se, volendo rifare la ricetta in Italia, dovete utilizzare i peperoni globosi, cioè quelli a forma più cicciotta, che restano in piedi nella teglia, in Albania vi potrà capiterà di usare anche i peperoni lunghi a forma triangolare. Sono più piccoli dei globosi e ricordano vagamente i cosiddetti friggitelli. Solo che in Albania ne trovate anche di rossi e gialli oltre che verdi. Potete vedere la foto di un esempio di preparazione.

E siccome sono più piccoli, senz’altro non se ne mangia solo uno!

Giornalista Pubblicista – Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo –

Direttrice del Blog LitterArtour

Daniela Rubino

Giornalista Pubblicista - Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo - Direttrice del Blog LitterArtour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *