Premio Troccoli Magna Grecia. Coordinamento scientifico di Pierfranco Bruni

Premio Troccoli Magna Grecia giunto a 33 anni. Una storia della cultura nella cultura che si fa storia con il coordinamento scientifico di Pierfranco Bruni – Scuola e beni culturali in primo piano – Consegna il 18 maggio 2019. 

Fissata la data della cerimonia conclusiva del 33° Premio Nazionale Troccoli Magna Graecia, che si svolgerà nel teatro comunale di Cassano all’Ionio, sabato 18 maggio alle ore 18, alla presenza di autorità comunali, provinciali e regionali, nonché di docenti e discenti dei numerose istituti scolastici della Calabria. Alla 33esima edizione del Premio hanno già concesso il proprio patrocinio la presidenza della Province di Cosenza e di Catanzaro, la Città di Cassano all’Ionio, nelle persone della Commissione straordinaria, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, il Sindacato Giornalisti Calabresi, l’Ordine dei Giornalisti della Calabria, la Presidenza del Circolo della Stampa Pollino Sibaritide mentre altri enti e ministeri lo hanno preannunciato.

Il focus di approfondimento sarà incentrato su: Francesco Grisi, lo scrittore della memoria a 20 anni dalla scomparsa, con l’intervento dello scrittore Pierfranco Bruni.

Proprio a Pierfranco Bruni, coordinatore scientifico del Premio sin dalla sua istituzione, abbiamo rivolto alcune domande.

Dopo 33 anni di promozione culturale, cosa resta dietro il premio?

Non solo un premio. È facile dire premio. Ma dietro a 33 anni di attività culturale nel nome di Giuseppe Troccoli ci sono modelli non solo culturali e di processi dialettici, ma c’è tanta forza e amore per il territorio che sono espressioni di una volontà in cui la passione si è legata alla fedeltà. Il Premio Troccoli che successivamente si coniò con la aggiunta di Magna Grecia ha confermato uno spessore culturale di personalità di primo piano nel dibattito contemporaneo ma ha avuto altresì di dare grande spazio ai giovani, agli esordienti, alle opere prime. In questi 33 anni di generazioni ne sono passate.

È stato proficuo il coinvolgimento delle scuola in una apposita sezione?

Il Sud e il Mediterraneo come chiavi di lettura attraverso l’esempio, la testimonianza, il mettersi in gioco costantemente. I ragazzi delle scuole sono stati e sono una trincea. Il coinvolgimento delle scuole è sempre un aprire le finestre e le porti al confronto, alla dialettica tra scuola come educazione e la cultura come esperienza. 33 anni sono una “resistenza” nel nome di una civiltà alta. Dalla Magna Grecia a Giuseppe Troccoli. È questo uno dei percorsi tangibili di questi anni.

Parallelamente al premio sono state organizzate altre manifestazioni complementari?

Al premio non sono mai mancati i convegni e la lettura storica della letteratura del Novecento. Non è mai mancato il coraggio di verificare anche il valore tra arte e letteratura. Le personalità ospitate dal premio hanno lasciato il loro prezioso contributo di idee attraverso la loro presenza la loro parola i loro libri. Nomi eccellenti hanno viaggiato insieme a tutti noi. Una lunga biografia che annovera robustezza ma mai i segni del tempo.

COMUNICATO STAMPA

Giornalista Pubblicista – Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo – Writer – Ghostwriter

Direttrice del Blog LitterArtour

Daniela Rubino

Giornalista Pubblicista - Direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo - Writer - Ghostwriter Direttrice del Blog LitterArtour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *